DOPPIO PIAZZAMENTO A PUNTI

DOPPIO PIAZZAMENTO A PUNTI

May 15, 2017

Se ci avessero offerto un doppio piazzamento a punti dopo le prove libere del venerdì, ma anche dopo la sessione di qualifiche, sicuramente ci avremmo messo la firma!



È giusto dire che fino a domenica pomeriggio, il fine settimana del Gran Premio di Spagna non era andato molto bene per noi ma, proprio nel momento che contava di più, Carlos Sainz e Daniil Kvyat hanno chiuso la gara con un settimo e un nono posto. Una serie di nuovi aggiornamenti da valutare sulla STR12 e delle condizioni di pista complicate – con vento e temperature elevate – hanno fatto in modo che sia noi che le altre squadre in pista risultassimo più lenti rispetto alle prove invernali svolte sul circuito di Catalunya.




Diverse riflessioni durante la notte hanno portato ad un miglioramento della situazione durante l'ultima ora di prove libere, ma non era abbastanza da essere ottimisti per le qualifiche. Una quindicina di giorni fa, Daniil ha potuto contare sul supporto di un'intera tribuna ogni volta che usciva dal garage e, qui in Spagna, è toccato a Carlos sentire tutto il tifo del pubblico di casa. In realtà, è stata una settimana frenetica per il nostro idolo di casa, con tanto lavoro in più tra interviste ed eventi a cui prendere parte. Sabato pomeriggio, è stato un altro pilota spagnolo a scaldare il pubblico e contribuire a riempire ancor più del previsto le tribune la domenica: Fernando Alonso che si è assicurato un incredibile settimo posto sulla griglia. Carlos è stato impegnato in una battaglia serrata a centro gruppo, assicurandosi il dodicesimo posto, in sesta fila. Quanto a Daniil, il russo non ha capito cosa stesse accadendo con la sua vettura, tanto da affermare: "non avevo assolutamente alcun grip e non riuscivo a gestire bene la vettura". La sua è stata una 'prima volta' sfortunata: non era mai partito dal fondo dello schieramento sulla griglia.


GP DI SPAGNA 2017 - GALLERY

(0/0)


Con il Gran Premio di Spagna tornano anche le hospitality dei team nel paddock. Fin qui infatti, abbiamo lavorato all'interno delle infrastrutture dei circuiti delle prime quattro trasferte lontano da casa. Insieme ai nostri colleghi di Red Bull Racing, abbiamo organizzato un tapas party nel paddock, sabato sera, all'interno della nostra Energy Station. Non c'era alcuna traccia dei nostri piloti o degli ingegneri, che sono rimasti all'interno dei loro uffici, lavorando sui dati e studiando un modo per uscire fuori dalla situazione difficile dopo le qualifiche.

Il primo weekend della F1 in Europa ha visto anche le prime iniziative pensate dalla nuova proprietà del Circus per aumentare lo spettacolo. Sono state organizzate diverse iniziative, come ad esempio concedere ad alcuni fortunati fan di essere portati a spasso sul circuito contemporaneamente alla Drivers Parade, oltre che un bar nel paddock organizzato da uno degli sponsor principali della F1 e alcuni tifosi sono riusciti a scendere in pista a bordo di una f1 biposto. Nel pre-gara, poi, siamo stati anche intrattenuti da un gigantesco robot nel paddock!




Avvicinare i tifosi a questo sport è stata la priorità assoluta in Spagna e i due idoli locali – Carlos e Fernando – hanno fatto la felicità di molta gente, firmando autografi e persino "sparando" T-Shirt tra la folla con speciali pistole ad aria compressa.
Pare che nelle prossime gare assisteremo a nuove iniziative insieme ai tifosi e questo non può che essere un bene per il nostro sport. Tra gli highlight di ciò che è successo fuori dalla pista in questo weekend, quello che ha fatto più scalpore, specchio di questa voglia di avvicinarsi ai tifosi, è stato il lieto fine di una storia iniziata con le lacrime: un giovanissimo fan della Ferrari è stato inquadrato mentre piangeva a dirotto, dopo che Kimi Raikkonen si è ritirato nel corso del primo giro a causa di una sospensione rotta. Il ragazzino, insieme ai suoi genitori, è stato portato nel paddock e ha incontrato il suo idolo... un sogno divenuto realtà!





La strategia di gara per Daniil è stata chiara quasi subito dopo la partenza: il russo ha immediatamente effettuato un pit-stop per montare le gomme medium al posto delle soft: delle scelte Pirelli fornite per la Spagna, la gomma media era quella che doveva essere usata obbligatoriamente in gara, come dicono le regole, ma non era certo la migliore in termini di prestazioni. Questo cambio anticipato ha permesso la fantastica rimonta di Daniil, durante la quale ha inanellato parecchi sorpassi. Passare dall'ultima fila alla nona posizione è una grande ricompensa per tutti gli sforzi che abbiamo fatto per ribaltare la situazione. Carlos ha chiuso la gara in P7, grazie ad una guida concreta e combattiva che lo ha visto guadagnare cinque posizioni rispetto a quella di partenza: i suoi tifosi avranno certamente apprezzato i suoi sforzi. Così, ce l'abbiamo fatta: il nostro doppio piazzamento a punti ci fa tornare in quinta posizione nel campionato costruttori. La prossima è la gara più famosa del calendario: tra due settimane, sulle difficili stradine di Monaco, cercheremo di assicurarci la zona punti, magari senza complicarci troppo la vita durante le prove libere!