SINGAPORE GP - DANIIL 360 HOTLAP

SINGAPORE GP - DANIIL 360 HOTLAP

September 11, 2017

Pronti per un giro in notturna, alla scoperta della Città del Leone? Non è il programma turistico del vostro prossimo viaggio, ma in un certo senso ci si potrebbe avvicinare. Insieme a Daniil Kvyat, saltiamo a bordo della nostra monoposto per scoprire il Marina Bay Street Circuit dove, questo weekend, si correrà il Gran Premio di Singapore.

(Per una migliore esperienza 360, vi suggeriamo: se navigate da desktop, di utilizzare il browser Chrome; se da mobile con You Tube app già installata, di andare in homepage e ruotare il vostro dispositivo in posizione orizzontale)


Quella che si correrà questo fine settimana sarà una delle gare più dure dell'anno. Il caldo umido tipico di Singapore metterà a dura prova sia l'affidabilità delle monoposto che la resistenza fisica dei piloti, che si ritroveranno all'interno dei loro abitacoli con temperature anche superiori ai 50 gradi. Per fortuna, la loro preparazione fisica – sempre al top – permetterà loro di affrontare al meglio i 61 giri previsti della corsa, ma l'avvicinamento alla gara sarà di vitale importanza: durante l'arco del GP, arriveranno a perdere liquidi per circa 3 Kg e ne potranno reintegrare solamente uno.


Dopo quello di Monaco, questo è il tracciato più lento del campionato e il Gran Premio si avvicina sempre al limite delle 2 ore regolamentari. Per via della sua natura stop & go, con continue accelerazioni e frenate, gli ingegneri avranno da tenere particolarmente a bada consumi e gestione delle gomme. Per via dell'alto carico necessario, utile per affrontare le 23 curve del Marina Bay, il carico di benzina necessario per completare l'arco della gara è di 98 Kg. Per fortuna, il probabile ingresso della safety car – per via delle ridotte vie di fuga – rende questo elemento meno complicato da gestire. Sotto la lente d'ingrandimento, però, finiscono freni e gomme. L'impianto frenante viene utilizzato per 21 secondi ogni giro, circa un quarto del tempo cronometrato; anche la trasmissione è particolarmente sollecitata, con circa 57 cambiate per ogni passaggio: praticamente, circa 3500 cambiate per affrontare tutta la gara! Infine, gli pneumatici: la Pirelli metterà a disposizione la gamma più morbida delle proprie mescole: Soft, Supersoft e Ultrasoft. Le continue accelerazioni e frenate sottopongono le coperture a carichi importanti e la ruota posteriore sinistra resta la più sollecitata.


Probabilmente, gran parte di voi seguirà il Gran Premio di Singapore in televisione. Si correrà in notturna al Marina Bay Circuit quindi, per effetto del fuso orario, gli orari della gara rimarranno quasi uguali a quelli tradizionali di un weekend europeo. Proprio per non subire gli effetti del fuso orario, anche i nostri piloti continueranno a tenere i ritmi dell'Europa, ma questo vorrà dire che si alzeranno quando a Singapore saranno le 14 e lasceranno la pista intorno alle 3 del mattino. Una tabella di marcia un po' inusuale, che rende l'idea di quanto tutto sia particolarmente speciale a Singapore.